WHISPERER: SUSSURRATORI

Cosė sono stati definiti in America i primi cowboy che gestivano i propri cavalli senza corde, redini, speroni, imboccature e persino senza parole.

Si pensava impartissero ordini sotto voce, sussurrando, in modo che solo i cavalli potessero sentire.

Quella relazione era quasi magica, inspiegabile, eppure a quegli uomini non serviva ne la magia ne la parola bastava uno sguardo...



"...credo che durante il SALTO, cavallo e cavaliere diventano come 2 amanti!
Tutto inizia nell'avvicinamento all'ostacolo, bisogna diventare un solo essere vivente, sentire ogni suo piccolo movimento, ogni sua esitazione fino quasi entrare nella sua testa per pensare assieme a come affrontare l'ostacolo.
Ad ogni tuo stimolo corrisponde una sua risposta, ad ogni falcata verso la meta tutto diventa più intenso, il tuo battito aumenta, i tuoi muscoli si contraggono, il cavallo guarda quel punto avvicinarsi e sembra attendere qualcosa.
È qui che i tuoi sensi e il tuo cuore ti dicono che è arrivato il momento e allora stringi le gambe, allenti delicatamente le redini e lo lanci per il decollo.
Quando senti i suoi piedi staccarsi da terra sai che la sua fiducia in te è ormai inviolabile, allora puoi solo seguire il suo corpo e godere perchè...stai volando!"

(cit: Igor Donati)